.

 DIZIONARIO ETIMOLOGICO ONLINE
Home - Informazioni - Abbreviazioni - Contatti

RICERCA

molla
molla
mollare
molle
mollica
mollificare
mollizia, mollizie

Molle





Onecoin

Il modo
più moderno
di perdere
i vostri soldi.

Attenzione

Non investite in Onecoin
È un modo quasi certo di rimetterci soldi.
Non è una crittovaluta, è un schema piramidale stile catena di Sant'Antonio.
Potete trovare ulteriori informazioni su onecoin

Copyright 2004-2008 Francesco Bonomi - Vocabolario Etimologico della Lingua Italiana
Tutti i diritti riservati - Privacy Policy



Atlante Storico
Il pił ricco sito storico italiano

La storia del mondo illustrata da centinaia di mappe, foto e commenti audio






















10 al tatto, alla pressione, pur conservando una certa aderenza; indi Morbido e poi (cfr. Brado e Mola 1). Questa veduta ha certamente un gran valore: ma ciņ che forma difficoltą per manifestamente affini, e che dalla idea primordiale di tritare č agevole trapassare a quella di ridurre in polvere e poi all'altra di ammorbidare, cornee dato anche persuadersi guardando all'identico ordine l'idee, nel quale sta il Curtius, oltre la identitą di significato tra la voce greca e la latina, la quale non č trascurabile fra idiomi tanto vicini tra loro, č la lo stesso, la cui radice MOL- == MAL== MOR-, MAR- trovasi nel greco idioma, come lo prova la voce molņ eh e ===- maląche malva, nozione originaria di tritare, che a lui sembra non si presti al bisogno. Giova perņ osservare, concordando le due ipotesi, che trattasi di radici [la greca e la latina] mņlle rtr. moli; rum. m o ale; prov. molhs; fr. mol, mou, mol; cai. mol; sp. mole, muelle; pori. molle: == mal-thakņs, che vale il sscr. tarunas tenero e gr. tčren tenero, molle, delicato, sol gr. lai. MŅLLEM e pił anfcic. MÓLLUM attestato dal Facciolati [onde la voce Mollusca un'origine intieramente latina e srede sia contrazione di m o vili s da moVQO muovo (come agili s da ago, facilis ia facio) e gli attribuisce il senso originario di mobile, pieghevole, flessibile: perņ mņvilis avrebbe dato mólis, come móbus da invece col Bopp sappone che MŅLLIS stia per MŅLDUIS === sscr. MRDUS == pers. MARDU, a. slav. specie di noce dal guscio tenero], che, col greco, suppone mólys, mólyrņs debole, languido, stanco (v. Malva e cfr. Morbido e Miele). Il Corssen secondo il Curtius, il Froehde, il Poti, č voce parallela al gr. mal-akņs, miadu tenero, e poi figuratamente tardo, lento, da una rad. MARD- tritare [sscr. mrd-nąti e m r nąti] mņvitus! Che cede teiró consumo sfregando. — II Bon£čy tenta coglierne la radice nel sscr. mlay-ąmi -part.pass. miąnas - divengo flaccido, languido: lo che non sembra al Curtius molto chiaro. II Georges finalmente staccandosi da tutti e dissimulando la comunanza di radice facilmente Bagnato, Inzup 2 fig. Debole, Effeminato, Delicato, Tendente a sensualitą. Molliccio. Mollitivo; MolIfsie; Mollificare, Mollore; Mollume. Comp. Ammollare; Ammollire; Immollare; Rammollire; Mollificare. Deriv. Molla: Molląccio; Mollare; Mollica: Mollése; Mollétta; Mollica, pato d'acqua; Cfr. Mallo; Malta; Malva; Milza; Mollusco. mucchio fidare manubalestra etisia dicitura trillare terzaruoloterze ciacchero mimico trattabile periglio aspo arrossire diverso assorbire accademico coadiuvare caule verisimile stillare orto costruire oremus eliaste piccheggiarsi addormire ammostare elaborare intingolo d permesso soia appattumare sgomberare dito forense folcire persistere impatibile sofferire opale tosone ostare bardella appartamento beccare giuro rachitide boccino incinta nido irritrosire gatto Pagina generata il 23/04/18